“Quel che resta” è lo spettacolo del Gruppo l’Albatro, prodotto dal Teatro dei Venti nell’ambito del progetto regionale Teatro e Salute Mentale, in scena al Teatro dei Segni di Modena dal 3 al 7 maggio nell’ambito di Trasparenze Festival X edizione. Spettacolo consigliato dai 12 anni in su.

Con Luca Bartoli, Elisabetta Borille, Sara Camellini, Antonio Congedo, Giulio Ferrari, Gilberto Gibellini, Francesca Nardulli, Maria Chiara Papazzoni, Marcello Padovani, Patrizia Vannini. Voce fuori campo Massimo Don. Regia Oxana Casolari, Danilo Faiulo e Francesca Figini. Drammaturgia Damiana Guerra e Teatro dei Venti. Supervisione artistica Stefano Tè.
Percorso di creazione nell’ambito del progetto di Teatro e Salute Mentale è sostenuto dal DSM – DP dell’AUSL di Modena, dall’Otto per Mille della Chiesa Valdese e dalla Fondazione di Modena all’interno di “Abitare Utopie II edizione”.

C’era una volta un tempo. Un tempo in cui gli esseri umani possedevano quella cosa che veniva chiamata parola. Agli occhi degli scettici era solo una particella sonora, una vibrazione dell’aria che veniva emessa grazie alle corde vocali. Oppure era considerata solo come un segno grafico su un foglio. Ma la parola non era solo questo. Perché era traghettatrice di sogni, sensazioni, sentimenti, emozioni, dolci, salati, pasta, musica, pantaloni, torte, occhiali, penne, racconti, poesia, conoscenza, medicina, scienza, salvezza, fede. Ma la parola era anche paura.
Era anche guerra. Orrore. Violenza. Aggressione. Sopraffazione. Crudeltà.
L’umanità era arrivata ad un punto tale di ingiustizia nel mondo, di atrocità, di violenze che era necessario trovare un rimedio. Doveva per forza essere una fine. Per consentire finalmente una rinascita. Una nuova pace. Per questo venne deciso di bandire ogni tipo di parola. Non sarebbe stato più possibile utilizzarle, scritte o orali che fossero. La parola non doveva più esistere. E con essa, si sarebbe spento ogni concetto a lei associato.

Fu loro concesso un tempo di trenta giorni per prendere congedo dalle parole, trenta giorni per dire, dirsi e ascoltare le ultime. Al termine del trentesimo giorno, la stessa magia che le parole utilizzavano da millenni per innescare reazioni sarebbe servita per disattivarle. Era noto a tutti che quindi, dopo quel tempo, nessuno avrebbe più potuto utilizzarle. Neppure se lo avesse voluto. Tutti avrebbero dimenticato la parola. Senza eccezione alcuna.

Fu proprio in quei giorni che un gruppo di persone decisero di non arrendersi. Decisero di rifiutare il processo, di cercare un modo per salvare le proprie parole e quindi di salvare loro stessi. Per fare questo individuarono un rifugio e, portando all’interno tutto il necessario per sopravvivere, vi si rinchiusero. Con la speranza che, restando al suo interno, il processo di eliminazione delle parole non li avrebbe toccati.

IL PROGETTO

Il Gruppo l’Albatro è nato nel 2009 a partire dal Laboratorio “Il volo dell’Albatro”, promosso dalla collaborazione tra Sportello Social Point Modena e Teatro dei Venti. Fin dall’inizio si è configurato come un progetto aperto a utenti dei servizi di salute mentale e altri partecipanti interessarti a fare un percorso di inclusione attraverso il teatro.
Il Gruppo ha portato in scena gli spettacoli “Il Draa-go” (2009), “Fuori Pista” (2010-2012), “Nelle cose di tutti i giorni” (2014), “Humanitas” (2015-2016), “Woyzeck – ogni uomo è un abisso” (2018-2019). Nel 2021 il gruppo ha partecipato ai progetti “Grida tra le mura”, creazione originale del Teatro dei Venti per AGO Modena Fabbriche culturali, e “Kaspar”, esito del progetto Kaspar Machine, co-finanziato da Creative Europe. Dallo stesso anno il progetto è sostenuto dall’Otto per Mille della Chiesa Valdese. Il percorso permanente continua con incontri settimanali e periodi di prove intensive in prossimità delle repliche degli spettacoli, con il sostegno del DSM-DP dell’Ausl di Modena, all’interno del progetto regionale Teatro e Salute Mentale, e della Fondazione di Modena, nell’ambito del progetto “Abitare Utopie II edizione”.

INFORMAZIONI UTILI

Info, prezzi e prenotazioni: 345 6018277 – biglietteria@trasparenzefestival.it
da Martedì 3 a sabato 7 maggio alle ore 21.00.
Inoltre lo spettacolo andrà in scena giovedì 5 maggio e sabato 7 maggio alle ore 11.30, per le classi III dell’Istituto d’Arte Venturi, indirizzo Professionale per i Servizi Culturali e dello Spettacolo.

ABITARE UTOPIE

Lo spettacolo è prodotto nell’ambito del progetto “Abitare Utopie”, che rappresenta una delle tappe di produzione del nuovo spettacolo per spazi urbani del Teatro dei Venti, con debutto previsto nel 2024/2025.

TRASPARENZE FESTIVAL X EDIZIONE

Lo spettacolo è presentato nell’ambito di Trasparenze Festival X edizione, un progetto di Teatro dei Venti e ATER Fondazione, realizzato con il contributo della Regione Emilia Romagna e della Fondazione di Modena, con il patrocinio dei Comuni di Modena, Castelfranco Emilia, Polinago.

Il Festival si tiene nei mesi di maggio e di luglio a Modena, Castelfranco Emilia e Gombola (Appennino Modenese).
Dal 3 al 7 maggio debutterà “Odissea”, produzione Teatro dei Venti in coproduzione con ERT / Teatro Nazionale, nelle stesse giornate la compagnia Teatro Necessario (circo/teatro) abiterà creativamente il quartiere San Giovanni Bosco di Modena con spettacoli diffusi negli spazi urbani.
Dall’8 al 13 maggio, a Gombola, si terrà il Seminario di creazione con artisti provenienti da tutta Italia e con i cittadini dell’Appennino, nell’ambito del progetto europeo Face To Faith, per la realizzazione della performance “La misura umana | Cantiere I – Suonare una città”, che andrà in scena il 14 maggio. Dopo il debutto italiano, il progetto di performance sarà presentato la settimana seguente a Colonia (Germania), all’interno del Sommerblut Festival, dopo una settimana di Seminario con artisti e cittadini del territorio. Regia di Stefano Tè, drammaturgia di Vittorio Continelli, Azzurra D’Agostino e Stefano Tè.
Dal 28 al 30 luglio Trasparenze approderà a Gombola, presso il centro culturale del Teatro dei Venti in Appennino. Programma in aggiornamento su www.trasparenzefestival.it

Scrivi e prenota

15 + 12 =