logo

Trasparenze è nato come una scommessa nel 2012 quando, in un periodo di evidente smobilitazione, abbiamo voluto puntare sulla scoperta del sommerso e sulla contaminazione tra linguaggi e pubblici differenti. Abbiamo immaginato un laboratorio permanente in cui lo scambio delle competenze e l’unione delle esperienze fosse occasione per confondersi e valutare oltre il già praticato. Questa era la nostra sfida della prima edizione, rinnovata nelle successive. Ci siamo spinti in territori liminali, dove i confini tra generi, generazioni, tipologie e categorie si sono sciolte e ricomposte per inaugurare di volta in volta la novità come evento. Abbiamo invitato il pubblico, a partire da quello più giovane, rappresentato dalla Konsulta, a diventare attore del necessario cambiamento.
Quest’anno come suggestione di fondo della nostra esperienza di incontro sfogliamo le pagine di un romanzo. Moby Dick è la suggestione che muove la quarta edizione del Festival Trasparenze. Raccogliamo la sfida che l’opera di Melville ci pone e la elaboriamo, cercando di farla diventare opportunità di ricerca, trasformazione, slancio. Quello che, a nostro parere, deve essere un Festival per la sua città. Il romanzo della Balena per noi diventa romanzo della Città.
Trasparenze quest’anno, infatti, intende concentrare la propria attenzione sulla città come “corpus unico” e come mito contemporaneo. Un mito dell’antichità, atemporale e maestoso: l’uomo che sfida le forze ancestrali della natura, mettendosi in relazione con la propria profonda paura. Per raggiungere l’obiettivo si va oltre e allora un luogo di privazione diviene spazio teatrale, una piazza ritorna ad essere luogo di dibattito e socializzazione, i giovani della konsulta arpionano le proprie visioni a servizio del tempo presente, un equipaggio di cittadini si unisce al miraggio e si fa protagonista, la baleniera accoglie valorosi amici e nuovi avventurieri, artisti provenienti dall’Italia e dall’estero, con l’autentica necessità di compiere quel viaggio alla ricerca dell’Assoluto, a vele spiegate.

 

News dal Blog

 

13 maggio: foto gallery

13 maggio: foto gallery

È tempo di riflessioni al Trasparenze Festival e infatti la giornata di chiusura della sesta edizione è dedicata al Convengo internazionale “Che arte sarà? Proposte e idee per una pratica di teatro sociale del futuro”. Il foyer del Teatro Storchi e altri...
12 maggio: foto gallery

12 maggio: foto gallery

La terza giornata del Trasparenze Festival è in parte dedicata agli esiti dei vari laboratori realizzati nei giorni precedenti: quello di Simona Bertozzi, che con il Gruppo Marewa porta in centro a Modena “Poem of you, whoever you are – azione per...
11 maggio: foto gallery

11 maggio: foto gallery

La seconda giornata del Festival si apre con due laboratori che ribadiscono l’intento di Trasparenze di far interagire il teatro con realtà delicate e solitamente collocate ai margini: la compagnia STALKer_Daniele Albanese lavora con il Gruppo Albatro – Teatro e...
10 maggio: foto gallery

10 maggio: foto gallery

Ripensare gli spazi provando a ridefinirli: questo è il tema che si legge in filigrana nella prima giornata di Trasparenze Festival. L’Area Festival per prima si fa espressione di questo modo di vivere i luoghi, facendo approdare nel parchetto di Via San...
I preparativi: foto gallery

I preparativi: foto gallery

Trasparenze Festival prende forma lentamente, dall’impegno quotidiano. I giorni che precedono l’apertura ufficiale della sesta edizione sono ricchi di lavoro: c’è chi si occupa dell’allestimento, chi come Chiara Guidi e il Teatro dell’Argine viene accolto in carcere...